Che succede se non pago la cartella esattoriale?

Chi non paga la cartella esattoriale può subire, prima che la cartella stessa “scada”, l’esecuzione forzata o gli atti di natura cautelare. In particolare può:

  • ricevere preavviso di fermo auto: nei 30 giorni successivi può essere iscritto il fermo sull’auto e questa non può più circolare. Ci si può opporre dimostrando che il mezzo serve per l’attività lavorativa di tipo professionale o imprenditoriale;
  • ricevere un preavviso di ipoteca: solo se il debito supera 20mila euro. Nei 30 giorni successivi viene iscritta ipoteca per il doppio del valore su un immobile di proprietà del debitore;
  • subire il pignoramento dello stipendio: fino a massimo 1/10 se lo stipendio non supera 2.500 euro; fino a massimo 1/7 se lo stipendio non supera 5mila euro; fino a massimo 1/5 se lo stipendio supera 5mila euro;
  • subire il pignoramento della pensione secondo le percentuali appena indicate per lo stipendio e comunque detratto sempre il minimo vitale (pari a una volta e mezzo l’assegno sociale: attualmente 679.50 euro);
  • subire il pignoramento del conto corrente. Se però in esso vi sono depositati stipendi o pensioni, il pignoramento può avvenire solo perla parte che supera il triplo dell’assegno sociale (453 euro x 3 = 1.359 euro) e per le successive mensilità nei limiti sopra descritti per stipendio e pensione;
  • pignorare gli immobili ma solo per debiti fino a 120mila euro e sempre che il valore della sommatoria degli immobili di proprietà del debitore superi 120mila euro. Se però il contribuente è proprietario di una sola casa adibita a civile abitazione, in cui ha la residenza, e accatastata non nelle categorie A/8 e A/9, l’immobile non può mai essere pignoramento.
Category: Cartella di pagamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.