Il responsabile del procedimento deve valutare, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione dei presupposti che siano rilevanti per l’emanazione di provvedimento.

Per quanto concerne l’”obbligo” di iscrizione a ruolo costantemente invocato dalla AGENZIA DELLE ENTRATE-RISCOSSIONE a supporto della domanda di compensazione delle spese di giudizio nei propri confronti, si evidenzia che tale assunto (estraneità dell’agente di riscossione al principio della soccombenza) è comunque smentito dalla legge , più precisamente dall’art. 6 della L. 241/1990 che obbliga il responsabile del procedimento – che svolga dietro compenso la propria attività per l’adempimento di funzioni amministrative espressamente ed inderogabilmente attribuitegli dalla legge – a verificare d’ufficio ciò che la legge gli impone, al fine di evitare l’invio di provvedimenti illegittimi come nel caso di specie, e/ o comunque di iscrivere sine titulo a ruolo provvedimenti di qualsivoglia natura. L’art. 6 della citata norma testualmente recita che “il responsabile del procedimento: valuta, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione dei presupposti che siano rilevanti per l’emanazione di provvedimento”. Dunque, sia l’ente impositore che l’agente per la riscossione avrebbero dovuto svolgere, a monte, un accertamento volto ad evitare l’illegittima emissione del provvedimento impugnato, a verificarne l’esistenza di precedenti impugnazioni e/o sospensioni e, soprattutto, ad accertarne d’ufficio l’insussistenza della pretesa per carenza dei presupposti formali e sostanziali; in particolare detti obblighi gravano sulla società incaricata della riscossione, al momento dell’iscrizione del provvedimento.

Giudice di pace di Roma, sez. 6, 06.08.2020, n. 13445


Sentenza n. 13445.20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: