Cassazione civile, sez. 5, 13.12.2017, n. 29863

I guadagni cospicui del professionista/imprenditore individuale non possono costituire il presupposto per l’imposizione dell’imposta. Tra i motivi di appello il contribuente deduceva l’insufficiente o contraddittoria motivazione della CTR che senza indagare sulle concrete modalità di esercizio dell’attività del contribuente, aveva ritenuto che un’attività produttiva di ingenti guadagni comportasse di per sé la realizzazione del presupposto impositivo voluto dalla legge. La cassazione ha accolto il ricorso ritenendo il “rilievo ai redditi prodotti, elemento […] non decisivo e comunque eccentrico rispetto al fondamento normativo dell’imposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: