Commissione Tributaria Provinciale di Roma, sez. 12, 01.02.2013, n. 23

Originariamente il limite era di € 3.000,00 ed, a seguito di modifica introdotta all’art. 3 del D.L. 203/05 con decorrenza 3.12.05, è stato aumentato e portato ad € 8.000,00. Successivamente tale limite, in virtù dell’art. 7 L. 70/11 è stato elevato ad € 20.000,00 nel caso si tratti di iscrizione ipotecaria eseguita sull’immobile di abitazione del contribuente. In proposito, occorre precisare che è vero che il limite di cui sopra riguarda crediti per i quali si vuole iniziare l’espropriazione forzata, e non adottare il provvedimento cautelare. Tuttavia occorre tener conto che tale provvedimento, cioè l’iscrizione ipotecaria, per dottrina e giurisprudenza unanime è funzionale all’espropriazione immobiliare, per cui non avrebbe senso porre il limite a quest’ultima e non estenderlo anche al provvedimento cautelare. Ne deriva che per crediti pari od inferiori ad € 20.000,00, l’unica procedura consentita dalla legge risulta essere quella dell’espropriazione dei beni mobili registrati, semmai preceduta dal provvedimento di fermo degli stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: